Un itinerario attraverso
le sue opere

Introduzione

Solitamente, la testimonianza più fedele del pensiero e dello spirito di una persona che non c'è più, la si ricerca tra le cose che questa ha lasciato scritte. Per frate Claudio Granzotto la penna non fu tanto eloquente quanto lo scalpello. Lo strumento di comunicazione che predilesse infatti e nel quale si espresse appieno fu senz'altro l'arte scultorea.
Siamo persuasi che sia in particolar modo dalla "lettura" delle sue opere che si può cogliere più distintamente l'eco profondo della sua vita e della sua spiritualità.
L'opera d'arte inoltre, è sempre una creazione che una volta venuta alla luce, pur continuando a portare l'impronta del proprio autore, è capace di vivere di vita propria, di comunicare autonomamente. L'arte sacra, in particolar modo, anche se inevitabilmente rende visibili i tratti dell'artista, ha sempre come priorità quella di comunicare la fede.

Due sono quindi i binari che ci hanno guidato per la costruzione di questo sito: ciò che le opere di fra' Caludio ci dicono di lui, e ciò che ci comunicano della nostra fede.

Abbiamo pensato quindi di comporre un itinerario che passasse per alcune opere particolarmente significative. Per ognuna di esse abbiamo cercato di delineare il contesto biografico dell'autore, abbiamo preso a prestito qualche buona descrizione per una critica artistica (cfr. bibliografia), e abbiamo tentato una lettura di fede.

Speriamo con questo nostro lavoro di poter contribuire a far conoscere quest'uomo del nostro tempo e della nostra terra, e ciò che senza clamori ha lasciato in eredità alla Chiesa intera.


Vi invitiamo quindi ad iniziare questo viaggio...
(clicca sulla freccia per cominciare).
   Italo Cuzziol

 

  Torna alla Home Page